Non sono stata io a scegliere questa professione ma è stata lei a scegliere me.

La vocazione per il mio lavoro nasce nel lontano 2006, dopo il mio primo viaggio in Thailandia dove sperimento sulla mia pelle i benefici nel ricevere dei trattamenti così completi. Una esperienza molto diversa da quelle alle quali ero abituata. Non potevo non apprendere queste tecniche così efficaci!

Ho iniziato gli studi in Italia presso l’Accademia di Massaggio Tradizionale Thailandese per poi continuare il percorso direttamente in Thailandia a Wat Po-Bangkok, la scuola più rinomata di medicina e massaggio thailandese, scoprendo e imparando differenti approcci e metodologie.

Ho continuato poi l’apprendimento in altre scuole e direttamente dal dott. Sukchai Masri, medico tradizionale thailandese, che mi ha trasmesso alcune tecniche di Royal style ancora poco note in occidente.

Lo studio delle dinamiche corpo/mente si amplia studiando le basi della medicina tradizionale cinese/taoista, dell’anma e dello shiatsu.

Sulla mia strada ho avuto la fortuna di incontrare il terapista giapponese shiatsu Naoya Kochi che continua a seguire direttamente da anni la mia formazione sia come studente sia come insegnante. Il suo metodo “Kochi Shiatsu Method“, straordinario e innovativo, consente il rilassamento rapido della muscolatura. Il mio modo di operare è cambiato radicalmente e mi consente di avere ottimi risultati in poco tempo.

Ho intrapreso un percorso di fusione tra la mia cultura occidentale con la millenaria tradizione orientale studiando Posturologia funzionale, conseguendo il diploma europeo in specialista nell’esercizio per la salute e insegnante di ginnastica posturale. La posturologia, branca della medicina complementare, studia il funzionamento del sistema posturale e il rapporto tra questo e le problematiche che possono derivare dall’assunzione di una postura scorretta. Anche in questa formazione l’essere umano è considerato nella sue interezza, come un insieme molto complesso che va considerato nella sua globalità.

ManiThai, il nome che ho scelto, vuole ricordare l’origine del mio percorso, il mio senso di appartenenza ad una cultura il cui approccio alla persona è concepito nella sua interezza, nel suo rapporto mente-corpo. Continuo la mia formazione alla ricerca di una fusione tra la mia cultura occidentale, dalla quale provengo, con la millenaria tradizione orientale.

La mia voglia di conoscere e di essere d’aiuto agli altri mi sostiene e mi invoglia sempre verso nuovi approfondimenti.

La mia formazione poliedrica mi consente di creare i miei percorsi di benessere, unici nel suo genere, diversi per ognuno.

«Anche il migliore dei maestri rimane sempre allievo».

 

 

Intervista su “Live Social” di Radio Lombardia.